Aziende
Electrolux diventa membro di AllSeen Alliance per consentire la connessione continuativa dei dispositivi

Electrolux, tra i produttori leader nel mondo di elettrodomestici per uso privato e professionale, ha reso nota oggi la propria adesione alla AllSeen Alliance, il consorzio di open source più completo per l’Internet delle cose.

Fin da subito Electrolux sarà un membro premium della AllSeen Alliance: per l’azienda, l’adesione a questo consorzio è un’importante tappa verso lo sfruttamento del potenziale della tecnologia condivisa. In futuro, l’interoperabilità dei dispositivi contribuirà a ottimizzare il loro uso da parte delle persone, facilitando le attività quotidiane e migliorando ulteriormente i risultati.

Con Electrolux, sale a 63 il numero di membri della AllSeen Alliance, fondata a dicembre 2013. La AllSeen Alliance è il più grande e vario consorzio open source per lo sviluppo dell’Internet delle cose. Ne fanno parte aziende leader nella produzione di elettronica di consumo, fabbricanti di elettrodomestici, fornitori di servizi, singoli rivenditori, aziende del settore automobilistico e di tecnologia aziendale, start-up innovative, sviluppatori e produttori di chipset. Oltre a Electrolux, il consorzio annovera tra i propri membri premium anche Haier, LG, Microsoft, Panasonic, Qualcomm Connected Experiences, Inc., Sharp, Silicon Image, Technicolor e TP-Link.

«Electrolux è convinta che la tecnologia che consente ai dispositivi di riconoscersi e di comunicare tra di loro, con gli utenti e con altri sistemi, offra un enorme potenziale per lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi. Presto saremo quindi in grado di proporre possibilità nuove e migliori per preparare i pasti e fare le pulizie in casa», dichiara Jan Brockmann, Chief Technology Officer di Electrolux. «Per esempio, stiamo attualmente elaborando soluzioni grazie alle quali sarà possibile cucinare in modo più intelligente. Per aiutare gli utenti a realizzare piatti squisiti con uno sforzo minimo ci avvaliamo delle nostre conoscenze specialistiche e della nostra esperienza. Per potere tradurre in realtà tali soluzioni occorre che i principali protagonisti dei vari settori collaborino insieme, affinché i singoli dispositivi e sistemi possano comunicare e interagire tra di loro indipendentemente dal produttore. La AllSeen Alliance intende vincere proprio questa sfida, e noi siamo fieri di essere la prima azienda specializzata in elettrodomestici ad aderire a questo consorzio in qualità di membro premium.»

I membri della AllSeen Alliance collaborano per sviluppare insieme il potenziale dell’Internet delle cose. In questo ambito stanno realizzando AllJoyn™, una cornice open source che consente la connessione di dispositivi sul posto di lavoro e a casa. Il codice software di AllJoyn, già disponibile, è costantemente aggiornato dai membri e dalla community open source. Esso consente ad AllJoyn di fungere da intermediario tra vari oggetti e dispositivi, in modo che questi possano connettersi e interagire a prescindere dal relativo produttore o da altre comuni condizioni infrastrutturali.

I membri della AllSeen Alliance sono certi che l’Internet delle cose possa incontrare un’ampia accettazione solo se in grado di riconoscere autonomamente altri dispositivi e sistemi posti nelle vicinanze e interagire con loro, indipendentemente dalla tecnologia specifica del produttore in questione o dai protocolli di comunicazione.

«Da sempre siamo convinti che la possibilità di sviluppare ulteriormente la tecnologia necessaria per un mondo interconnesso dipenda da una collaborazione intersettoriale, con un approccio open source», dichiara Liat Ben-Zur, Presidente della AllSeen Alliance. «Avere Electrolux come membro premium è un grande passo per la AllSeen Alliance, già ci rallegriamo del lancio di prodotti Electrolux compatibili con AllJoyn.»

Torna indietro
Iscriviti alla newsletter