Aziende
Rapporto immobiliare: analisi e previsioni sull’evoluzione del mercato

Al momento in quali regioni della Svizzera sono presenti bolle immobiliari e in quale direzione si sviluppa il mercato?

Grazie all’analisi di più di un milione di annunci per la vendita di case e appartamenti, realizzata a ritmo semestrale dal Politecnico di Zurigo (Chair of Entrepreneurial Risks) e da comparis.ch, adesso è possibile lanciare uno sguardo nel futuro. La ricerca si basa su un modello matematico messo a punto dal professor Didier Sornette e dal suo team: il modello LPPL. L’attuale base dei dati è costituita dai prezzi offerti per i beni immobiliari degli annunci pubblicati su comparis.ch dall’inizio del 2005 alla fine di giugno 2015. Nella fase iniziale del progetto la collaborazione è stata cofinanziata dalla Commissione per la tecnologia e l’innovazione della Confederazione (CTI). Per i ricercatori del Politecnico non vi è alcun motivo per preoccuparsi: le regioni “calde” del mercato immobiliare si stanno di nuovo raffreddando. Non c’è comunque da aspettarsi un’esplosione improvvisa della bolla. La cartina con la variazione percentuale dei prezzi degli appartamenti illustra chiaramente una tendenza: in pochi anni nella maggior parte dei distretti della Svizzera i prezzi sono aumentati di almeno un terzo. Per poter essere inserito nella top ten ogni distretto deve presentare un numero minimo di annunci. I centri nevralgici sono chiari: nella regione di Zurigo, del lago di Zugo, del Lago dei Quattro Cantoni, del lago Lemano e nelle destinazioni turistiche di montagna si trovano le case e gli appartamenti più costosi.

Torna indietro
Iscriviti alla newsletter